tag foto 1 tag foto 6 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6

07/09/14

Cerealitalia...barrette di cereali...energia e salute...

Settembre il mese dell’uva e della vendemmia, il mese che saluta l’estate e dà il benvenuto all’autunno.
Le ferie sono finite, si riprendono i ritmi frenetici, la scuola, il lavoro e qualcuno anche la palestra e lo sport, pasti fuori casa…..
Come fare tutto questo e cercare di mangiare qualcosa che ci dia energia, contenga ingredienti semplici e che ci aiutano a spezzare la fame…..che sia il più naturale possibile?

Cereali Italia una azienda che produce barrette per adulti e bambini a base di cereali, frutta, cioccolata arricchite con 7 vitamine e ferro.


Sin dalla sua nascita la Cerealitalia ha messo al centro la Persona, l’Italianità assoluta di tutti i suoi prodotti nelle ricette e nei gusti, la tradizionalità, la maniacale attenzione verso le esigenze dei clienti e dei suoi consumatori, l’estrema cura dei dettagli in tutto quello che fa e che farà.


Saper coniugare poi a questi semplici concetti: dare la massima garanzia sulla qualità dei prodotti, preparati tutti con materie prime selezionatissime e certificate, impianti produttivi di tecnologia avanzatissima, ponendo il massimo rispetto alle normative e procedure di sicurezza igienico-sanitarie, ed unendoli infine alla costante Ricerca di Innovazione sui nuovi bisogni e trend dei consumi nei loro evolversi, per poter offrire e dare sempre il meglio.

La Cereali Italia sottopone particolare attenzione agli ingredienti principali che utilizzano, come la cioccolata e i cereali.
La cioccolata è posta nella fase di temperaggio, ossia la precristallizzazione del burro di cacao contenuto nel cioccolato che dipende dalla temperatura alla quale è trattato il cioccolato, è proprio questa a garantire la durezza, la forza di restringimento e la lucentezza del prodotto finale raffreddato.
Per quanto riguarda i cereali tutto il ciclo produttivo è interamente automatizzato e tecnologicamente avanzato.
Le operazioni unitarie di produzione sono gestite da sistemi informatici che regolano i flussi e controllano i parametri produttivi.
L’elemento principale che caratterizza l’intero ciclo produttivo è dato dalla flessibilità, grazie alla quale, è possibile aggiungere dei nuovi ingredienti alla ricetta base per ottenere tipologie di barrette con declinazioni di gusto differenti.
Le linee di produzione e confezionamento consentono, inoltre, di ottenere un prodotto di elevata stabilità microbiologica e chimico fisica  senza l’impiego di conservanti e grassi idrogenati.
I vantaggi dell’elevata automazione degli impianti si riflettono anche sui costi di produzione.
La qualità dei materiali per il confezionamento, scelti nel pieno rispetto dell’ambiente, permette, invece, di preservare e mantenere integre le caratteristiche organolettiche del prodotto.


 
Nature-mix classiche
Barrette a base di cereali con frumento, avena e orzo, 85 Kcal per barretta, senza conservanti, fonte di fibre





Nature-mix cioccolato bianco
Barrette a base di cereali con frumento, avena, orzo e cioccolato bianco, 94 Kcal per barretta, senza conservanti, fonte di fibre



Nature-mix frutti esotici
Barrette a base di cereali con frumento, avena, orzo e frutti esotici, 87 Kcal per barretta, senza conservanti, fonte di fibre




Day by day classica
Barrette a base di cereali, 79 Kcal per barretta, 7 vitamine (B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12)+ ferro, Fonte di fibre



Day by day cioccolato
Barrette a base di cereali con cioccolato, 84 Kcal per barretta, 7 vitamine (B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12)+ ferro, Fonte di fibre


Day by day cioccolato fondente e arancia
Barrette a base di cereali con cioccolato fondente e cubetti di frutta all’arancia, 81 Kcal per barretta, 7 vitamine(B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12) + ferro, Fonte di fibre


Day by day cioccolato fondente e cocco
Barrette a base di cereali (fiocchi al riso, frumento integrale), con cioccolato fondente e cocco, 82 Kcal per barretta, 7 vitamine(B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12) + ferro, Fonte di fibre


Day by day melograno
Barrette a base di fiocchi di cereali, melograno, 78 Kcal per barretta, 7 vitamine(B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12)  + ferro, Fonte di fibre



Day by day mirtilli rossi
Barrette a base di fiocchi al riso e frumento integrale, con mirtilli rossi, 78 Kcal per barretta, 7 vitamine(B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12)  + ferro, Fonte di fibre



Day by day cioccolato fondente
Barrette a base di fiocchi al riso e frumento integrale, con cioccolato fondente, 85 Kcal per barretta, 7 vitamine(B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12)  + ferro, Fonte di fibre


Day by day yogurt magro e frutti di bosco
Barrette a base di fiocchi di riso e frumento integrale, con yogurt magro e frutti di bosco, 79 Kcal per barretta, 7 vitamine(B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12)  + ferro, Fonte di fibre


Day by day nocciola e cioccolato fondente
Barrette a base di fiocchi di riso e frumento integrale, con yogurt magro e frutti di bosco, 88 Kcal per barretta, 7 vitamine(B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12)  + ferro, Fonte di fibre



Choco Drago cioccolose
Barrette a base di riso e cereali con cioccolato al latte, 78 Kcal per barretta, 7 vitamine(B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12)   + ferro

Choco Drago cioccolatte
Barrette a base di riso al cacao, con crema al latte, 82 Kcal per barretta, 7 vitamine(B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12)   + ferro

Choco Drago cioccofantasy
Barrette a base di cereali, con cioccolato fondente, confetti colorati ripieni di cioccolato, 101 Kcal per barretta, 7 vitamine(B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12)   + ferro


Vediamo in breve cosa sono gli ingredienti utilizzati da Cereali Italia:

Frumento (Triticum L.): o grano, detto anche tritico, è un genere della famiglia delle Graminacee o Poacee.
È un cereale di antica coltura (vi sono tracce in Iraq, risalenti a 5000 anni fa), originario dell’Asia sud-occidentale, cresce ovunque, tranne che nelle fasce tropicali, la pianta produce infiorescenze in spighe composte, i frutti sono cariossidi e, se macinati, producono farina.
Il termine italiano è usato per indicare sia la pianta che le cariossidi di tali piante.
E’ la principale fonte di cibo per l’uomo.

Cioccolata: è un alimento derivato dai semi della pianta del cacao (Theobroma cacao L.) diffuso e ampiamente consumato nel mondo intero.
Il cacao come pianta e il cioccolato come alimento racchiudono una serie di sostanze chimiche che agiscono positivamente sulle componenti cellulari e gli effetti più importanti sono riscontrati sulle malattie cardiovascolari, ricco di flavonoidi, potenti antiossidanti e si pensa che essi stimolino la produzione di ossido nitrico al quale è riconosciuto un ruolo determinante di mediatore biochimico in numerose funzioni, a livello cerebrale (es. controllo dell'apprendimento e della memoria), gastrointestinale (modulazione delle secrezioni e della motilità), respiratorio (modulazione del tono della muscolatura liscia bronchiale), renale (autoregolazione del flusso ematico).

Orzo: una pianta erbacea simile al frumento, conosciuta fin dall'età della pietra e coltivato presso Egizi, Greci e Romani.
L'orzo si distingue dagli altri cereali per il notevole contenuto di fibre e soprattutto di quelle solubili, insieme all'avena, è il cereale con il più basso indice glicemico.

Avena: uno dei cereali contenenti più proteine (fino al 17%) e meno carboidrati, ed è quello che contiene più grassi in assoluto, se a questo aggiungiamo l'11% di fibre, otteniamo uno dei cereali con il più basso indice glicemico, che la rende particolarmente adatta per i diabetici.
È ricca di potassio e di vitamine del gruppo B.
L'Avena sativa, conosciuta anche come biada, è una pianta coltivata soprattutto nel nord Europa, in Italia è utilizzata per l'alimentazione del bestiame e in minima parte per quella umana.

Corn Flakes: in italiano, fiocchi di mais, sono un cibo costituito da mais cotto con zucchero e vitamine, la pasta è arrotolata e tostata a formare dei fiocchi, che sono consumati normalmente a colazione, serviti con il latte.
Furono inventati nel 1894 in Michigan dai fratelli Kellogg per riciclare del grano raffermo da servire ai pazienti della propria clinica.

More: il rovo (Rubus ulmifolius Schott) è una pianta spinosa appartenente alla famiglia delle Rosaceae, si presenta come pianta arbustiva perenne, sarmentosa con fusti aerei a sezione pentagonale lunghi fino a 6 metri ed anche più, provvisti di spine arcuate, è una semicaducifoglia, infatti molte foglie permangono durante l'inverno, la fioritura compare al principio dell'estate.
Il frutto commestibile è composto da numerose piccole drupe, verdi al principio, poi rosse e infine nerastre a maturità (mora), derivanti ognuna da carpelli separati ma facenti parte di uno stesso gineceo, in Italia il frutto è maturo in agosto e settembre; il gusto è variabile da dolce ad acidulo.
Il nome Rubus (dal latino ruber, rosso) potrebbe far riferimento al colore dei frutti maturi di altre specie dello stesso genere, come il lampone, o direttamente alla forma immatura del frutto di questa specie stessa, Ulmifolius (dal latino ulmus, olmo e folia, foglia) deriva dalla similitudine con le foglie dell'albero Ulmus minor.
Le more presentano un contenuto nutrizionale significativo in termini di fibra alimentare, vitamina C, vitamina K, acido folico e il minerale essenziale manganese.

Melograno: (Punica granatum, L.) è una pianta della famiglia delle Punicaceae (o Lythraceae secondo la classificazione APG), originario di una regione che va dall'Iran alla zona himalayana dell'India settentrionale, presente sin dall'antichità nel Caucaso e nell'intera zona mediterranea.
Il succo di melograno è un'eccellente sorgente di vitamina C e del gruppo B, di potassio e di notevoli quantità di Polifenoli antiossidanti.

Nocciole: come tutta la frutta secca, sono un alimento molto ricco di grassi, la maggior parte sono monoinsaturi, quindi una fonte di grassi "buoni", anche se non apportano una quantità significativa di grassi essenziali, al contrario di altri tipi di frutta secca come le noci.
Le nocciole sono, dopo le mandorle, il tipo di frutta secca che contiene la quantità maggiore di vitamina E, ottima fonte di fitosteroli, sostanze ritenute importanti nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, a conferma di ciò, uno studio recente ha dimostrato che un consumo regolare di nocciole è in grado di abbassare i livelli di colesterolo LDL e trigliceridi, questo vale per chi non è sovrappeso, essendo quest'ultima una condizione molto più sfavorevole nei confronti dei fattori di rischio delle malattie cardiovascolari, essendo una fonte di grassi, hanno un potere saziante piuttosto basso e quindi è opportuno assumerne quantità controllate.
Le nocciole non possono essere considerate una buona fonte proteica, poiché il rapporto tra proteine e grassi è troppo sbilanciato a favore di questi ultimi, in pratica per assumere una quantità sufficiente di proteine mangiando nocciole bisognerebbe assumere troppi grassi e quindi troppe calorie.

Yogurt magro: si ottiene inoculando nel latte speciali microrganismi in grado di modificarne le caratteristiche chimiche e organolettiche, i principali ceppi batterici utilizzati nella preparazione dello yogurt sono il Lactobacillus bulgaricus e lo Streptococcus thermophilus, solitamente presenti in rapporto 1/1 o 1/2.
La fermentazione lattica, che avviene per opera di tali microrganismi, porta alla formazione di acido lattico e di una serie di prodotti intermedi che donano all’yogurt il suo caratteristico aroma, la consistenza vellutata di quest’ alimento è legata alla presenza di sostanze vischiose prodotte dal L. bulgaricus durante i processi fermentativi, il sapore acidulo è invece dovuto alla conversione del glucosio in acido lattico.

Riso soffiato: viene prodotto con varietà di riso a grana tonda, per avere un risultato di forma rotonda, si preriscaldano i chicchi a una temperatura di 300-400 °C, quindi vengono introdotti in un'autoclave, a una pressione che supera le 15 atmosfere, tramite l'immissione di vapore surriscaldato a (240-250 °C), dopo qualche secondo la pressione viene ridotta in modo repentino, determinando l'esplosione dei chicchi, l’acqua contenuta al loro interno evapora all'istante e il risultato è un composto croccante e gonfio: il riso soffiato.
Tutti i cereali soffiati, e quindi anche il riso soffiato, hanno circa le stesse calorie, che variano tra le 340 e le 360 kcal/hg.
Il riso soffiato può essere utilizzato insieme ad altri cibi perché aumenta il volume dell'insieme aumentandone l'indice di sazietà.

Mirtilli rossi: frutto tipico del sottobosco, il mirtillo (Vaccinium Myrtillus) ha tradizioni antichissime ed è utilizzato per curare diverse patologie.
I mirtilli generalmente crescono nelle zone montane (sulle Alpi e gli Appennini), nei boschi e trovano la loro maggiore diffusione sui terreni ricchi di humus.
Come riconoscerli?
Sono dei piccoli arbusti appartenenti alla famiglia delle Ericacee, alti circa 60 cm., la loro fioritura avviene in primavera e si distinguono in tre differenti specie: mirtillo nero, rosso e blu.
Secondo alcune recenti ricerche queste piccole bacche, sarebbero dotate di un enorme quantitativo di sostanze antiossidanti, in grado quindi di prevenire patologie cardiovascolari, proteggere dai tumori e addirittura ritardare il naturale processo d’invecchiamento, dunque hanno un duplice scopo: da una parte rappresentano una fonte di alimento, dall’altra sono utilizzate come medicamento.
Il mirtillo rosso ha proprietà rinfrescanti, astringenti, toniche, e diuretiche e contengono numerosi principi attivi, fra cui le vitamine A e C, l'acido citrico e quello malico, la mirtillina, fosforo, calcio, manganese, l’azione di queste vitamine è apprezzabile soprattutto per quanto riguarda i problemi legati ai capillari (ne rinforza infatti le pareti).

Ananas (Ananas sativus): è il frutto della pianta di ananasso, appartenente alla famiglia delle Bromeliacee, grazie alla presenza della bromelina ha un'azione decongestionante, oltre che essere ricca di sali minerali e in vitamine.
L'ananas è particolarmente ricco in sali minerali (potassio, manganese) e in vitamine (carotenoidi, vitamina A, complesso B e vitamina C), la cosa interessante è che la vitamina C resta stabile anche dopo la raccolta, perché il frutto la protegge dall’ossidazione con la sua scorza spessa e il suo alto tasso d'acidità, infatti, come gli agrumi, anche l’ananas è un alimento alcalinizzante: riduce quindi il livello acido del nostro pH, (causato spesso da alimentazione scorretta e sbilanciata), ripristinando l’equilibrio acido basico e prevenendo le infiammazioni, prima causa di malattie.

Albicocca: frutto appartenente alla famiglia delle Rosacee e alla specie Prunus Armeniaca; la pianta dell'albicocco è originaria della Cina, dove era già conosciuta nel 3.000 avanti Cristo, fu diffusa in tutta Europa dai romani dopo la conquista dell'Armenia e da questa regione, dove era chiamata mela d'Armenia, ( Armeniacum malum ) prese anche il nome.
La pianta delle albicocche, allo stato selvatico, può superare i 10 metri di altezza, fiorisce in primavera e i suoi frutti, secondo la specie, maturano da giugno fino a fine luglio.
L’albicocca ha un alto contenuto di vitamina A e vitamina C in unione con l'abbondanza di potassio e di fibre alimentari, grazie anche alla sua buona digeribilità, è senza dubbio un frutto con buone proprietà dal punto di vista nutrizionale, infatti, la sua assunzione è particolarmente indicata per chi ha problemi di anemia o di spossatezza cronica, per le persone convalescenti, per gli anziani e per i bambini nell'età della crescita.
La vitamina A è altresì utile per lo sviluppo delle ossa e per il corretto funzionamento di tutti i tessuti del nostro organismo, mentre, l'alta percentuale di potassio presente nell'albicocca è in grado di prevenire vari disturbi a livello nervoso e muscolare, la vitamina A ricordiamo che è in grado di stimolare la produzione di melanina, la sostanza responsabile dell'abbronzatura e della protezione della pelle, il sorbitolo invece conferisce all'albicocca leggere proprietà lassative.

Arance: drenanti, depurative e antinfiammatorie, le arance saziano, appiattiscono la pancia e ti aiutano a controllare la fame.
Novembre è la stagione ideale per gustare gli agrumi e in particolare le arance che, a sorpresa, sono anche delle ottime alleate del peso forma: l'80-90% della loro consistenza, infatti, è fornita dall'acqua, cui poi si aggiunge fruttosio, una buona percentuale di sali minerali e di vitamine (C, il gruppo B e P), molti acidi organici (tra i quali l'acido citrico) e fibre.

Cocco: la noce di cocco è il frutto della palma di cocco (nome scientifico Cocos nucifera ), una pianta appartenente alla famiglia delle Arecaceae e originaria dell'Indonesia; si tratta di una pianta che può vivere parecchi anni, anche più di 100 e che può superare i 35 metri di altezza, le sue foglie sono molto lunghe, misurano normalmente dai 4 ai 6 metri.
La noce di cocco è composta per il 50% circa da acqua, dal 9,4% da fibre, dal 14 % da carboidrati, dal 10% da zuccheri e da lipidi.
Discreta la quantità presente di minerali presente nella noce di cocco, tra i quali: zinco, potassio, ferro, rame, magnesio, fosforo, sodio e magnesio.
Sul fronte delle vitamine la noce di cocco contiene Vitamina B1, B2, B3, B5 e B6; in seguito troviamo l'acido ascorbico, o vitamina C, vitamina E, K e J.
Per quanto riguarda gli aminoacidi questi quelli presenti in maggior percentuale: acido glutammico, arginina, acido aspartico, fenilalanina, glicina, isoleucinana, serina, treonina, e cistina.

Ferro: entra nella costituzione dell'emoglobina, della mioglobina e di diversi enzimi, come tale svolge importanti funzioni, quali il trasporto di ossigeno ai tessuti, il trasferimento di elettroni nella catena respiratoria e l'attività di importanti sistemi enzimatici, tra questi quelli della sintesi e degradazione delle amine piogene (tra i quali la dopamina e la serotonina).
Il contenuto di ferro nell'organismo è di circa 3 - 4 g., circa il 65% del ferro totale dell'organismo è presente nella molecola dell'emoglobina mentre il 10% è contenuto nella mioglobina.
L'organismo mantiene l'equilibrio del ferro attraverso:
a)la costituzione di un pool di riserva
b)la modulazione dell'assorbimento in funzione dei bisogni
c)il recupero dal catabolismo degli eritrociti (i globuli rossi).

Vitamine:
B1 (tiamina): è invariabilmente associata con una malattia che è caratterizzata dalla nevrite (infiammazione dei nervi), Beri-beri, si riferisce infatti alle paralisi risultanti dalle condizioni nevritiche.
La vitamina B1 è solubile nell’acqua e si cristallizza in aghi incolori con un odore caratteristico. Una mancanza di tiamina o vitamina B1 causa un disordine nel metabolismo dei carboidrati e come risultato di ciò i nervi diventano anormali.
La tiamina ha un ruolo fondamentale nell’attività di molti enzimi, è inoltre essenziale al metabolismo e all’utilizzo dei carboidrati e anche per mantenere efficiente il sistema nervoso, i muscoli e la funzionalità cardiaca.

B2 (riboflavina): idrosolubile come tutte le vitamine del gruppo B, è essenziale per molte funzioni del metabolismo, specie quelle riguardanti i tessuti, mantiene infatti in buona salute le mucose respiratorie e digestive, oltre a contribuire all'integrità del sistema nervoso, della pelle e degli occhi. Utile alla promozione dello sviluppo e della crescita, attiva gli enzimi coinvolti in diverse reazioni del nostro organismo, aiuta anche a rinforzare le difese immunitarie, importante per il metabolismo energetico, per il buon funzionamento per pelle, unghie e capelli sani e, soprattutto per il buon funzionamento della vista, può essere utile nella prevenzione e nel trattamento della cataratta, aiuta l'assorbimento del ferro e della vitamina B6, è utilizzata per la formazione di globuli rossi nel sangue, la produzione di anticorpi, la respirazione cellulare e la crescita.
Il fabbisogno cresce nei periodi di rapida crescita e in caso di elevata assunzione di proteine.

B3 (niacina): solubile in acqua, è nota anche con il nome di vitamina PP per la sua azione contro la pellagra, una malattia un tempo molto diffusa causata dalla sua carenza, è tra i componenti di due coenzimi (NAD e NADP) fondamentali nelle reazioni di ossidoriduzione che avvengono nel nostro metabolismo, è essenziale per il regolare funzionamento del sistema nervoso.
La vitamina B3 è necessaria per la respirazione cellulare, aiuta nella liberazione di energia e il metabolismo dei carboidrati, grassi e proteine, una buona circolazione e la salute della pelle, il funzionamento del sistema nervoso, e la normale secrezione di fluidi biliari e dello stomaco, potenzia la memoria e sembra essere anche efficace nel trattamento di ansia.
La niacina è anche efficace nel migliorare la circolazione e ridurre i livelli di colesterolo nel sangue.
A volte una carenza di vitamina B3 può dare problemi di insonnia.

B5 (ac. Pantotenico): idrosolubile, è il precursore del coenzima A, essenziale per la sintesi di carboidrati, grassi e proteine, promuove la crescita e lo sviluppo e favorisce l'utilizzazione energetica degli alimenti, associata alle altre vitamine del complesso B ha effetti positivi sul sistema immunitario, entra nei meccanismi di produzione dei grassi, dei corticosteroidi e degli ormoni sessuali (estrogeni, progesterone e testosterone), inoltre è necessaria al corretto funzionamento delle ghiandole surrenali e del sistema nervoso, oltre che per una crescita e uno sviluppo normali, essenziale per l'utilizzazione di altre vitamine, e le si attribuisce un ruolo nella prevenzione di stati depressivi.

B6 (piridossina): è una sostanza importantissima per la nostra salute e per il nostro benessere, perché tra i suoi compiti c’è quello di regolare la sintesi di due importanti neurotrasmettitori (la serotonina e la norepinefrina) e di permettere la formazione della mielina, la guaina che riveste i neuroni, una carenza di vitamina B6 (peraltro molto rara) può contribuire allo sviluppo di malattie neurologiche, a peggiorare l’estetica di pelle e capelli, a impoverire il sangue e indebolire il sistema immunitario.
Tuttavia, rispetto ad altre sostanze (vitamine e minerali) la vitamina B6 è facilmente sintetizzabile dall’organismo attraverso un’alimentazione opportunamente variata.

B9 (ac. Folico): essenziale alla vita dell'uomo e di molti altri organismi, anche particolarmente semplici come i batteri, questa sostanza, intervenendo nella sintesi degli acidi nucleici, è infatti molto importante per la crescita e la riproduzione cellulare.
L'acido folico e i suoi derivati partecipano alla sintesi di emoglobina e di alcuni amminoacidi, come la metionina e l'acido glutammico, sono molto importanti per la crescita, per la riproduzione e per il buon funzionamento del sistema nervoso.
Insieme alla vitamina B12, con la quale condivide numerose funzioni, tra cui la più nota è quella antianemica.

B12 (cobalamina): vitamina fondamentale nei processi di formazione dei globuli rossi e per le cellule del sistema nervoso, insieme all’acido folico coadiuva la sintesi del DNA e dell’ RNA.
In natura è prodotta da alcuni batteri che l’uomo ha imparato a coltivare in vitro e di cui è in grado di servirsi per la produzione di speciali integratori.
La vitamina B12 è inoltre essenziale a prevenire una forma di anemia megaloblastica molto pericolosa, conosciuta col nome di anemia perniciosa.