tag foto 1 tag foto 6 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6

16/12/13

Qualità del cibo

Ieri era la giornata di Telethon, ho seguito Voyager su rai2 dove intervistavano un medico ricercatore americano sulle ricerche per prolungare la giovinezza.
Questo ricercatore ha detto qualcosa di molto importante su come l'alimentazione influisce molto sul mantenersi giovani o invecchiare precocemente.
Una corretta alimentazione, soprattutto consumare alimenti stagionali, è molto importante.

LA QUALITÀ DEL CIBO

Viviamo in un contesto sociale che favorisce il consumo di pasti fuori casa e anche a casa si vedono sempre di più cibi pre-confezionati e cibi congelati precotti, spesso conditi con miscele di oli vegetali ad alto contenuto di grassi saturi, elevate quantità di sale, additivi e conservanti.
Si corregge il gusto, la consistenza e l’aspetto degli alimenti con aromi, emulsionanti, gelificanti e coloranti.
Disponiamo di cibi in ogni stagione perché li manteniamo a lungo nei congelatori o perché forziamo la coltivazione di certi vegetali in serra, utilizzando a volte sostanze non proprio sicure per la salute.

frutta di stagione

E il lungo tempo che spesso passa tra la raccolta, la permanenza nei depositi e l’esposizione nei negozi di frutta ed ortaggi causa una perdita di rilevanti quantità di vitamine e nutrienti fondamentali.
Al problema della perdita di alcuni nutrienti fondamentali si aggiunge perciò quello dell’introduzione negli alimenti di composti chimici potenzialmente dannosi se non addirittura tossici accanto ad una contaminazione ambientale sempre più grave con conseguenze importanti sui prodotti dell’agricoltura.
Ma quali sono le conseguenze sulla nostra salute e soprattutto sulla salute dei bambini?
L’organismo del bambino in accrescimento è più esposto ai rischi legati alla qualità del cibo perché, in proporzione al peso corporeo, assume maggiori quantità di alimenti e bevande entrando in contatto con più contaminanti tossici rispetto all’adulto per unità di peso corporeo.
Il bambino ha inoltre una minore capacità di eliminare sostanze chimiche e quindi un maggior pericolo di accumulo.
E in un organismo in via di formazione l’esposizione cronica a contaminanti chimici può comportare gravi danni alla salute sia nell’immediato sia in tempi successivi.

verdure di stagione immagine pubblicata su webalice.it

Per superare almeno in parte i riflessi negativi di questa situazione è molto importante prestare attenzione alla qualità dell’alimentazione sin da bambini.
Qualità dell’alimentazione non vuol dire solo qualità degli alimenti ma anche giusto equilibrio tra i nutrienti introdotti con i pasti: un buon apporto di frutta e verdura garantisce le vitamine necessarie, il pesce fornisce gli acidi grassi essenziali ed è molto importante ridurre l’apporto di carboidrati semplici preferendo quelli complessi.


(Testi del fascicolo Aboca)